robotic

Il nostro laboratorio ospita uno dei primi centri di ricerca basati su stampa 3D applicata a sistemi robotici antropomorfi.

Svolgendo un operazione di ricollocamento di una tecnologia nata in una dimensione prettamente industriale, abbiamo costituito un esclusivo strumento di fabbricazione che amplia ancor di più le frontiere applicative della manifattura additiva e degli stessi robot. Sviluppiamo applicazioni in ambito manifatturiero, progettando e stampando in 3D su grandi volumi come ad esempio: arredi su misura, allestimenti per installazioni, strutture reticolari ad alte performance.

“Connetti i punti della nebulosa post industriale e organicamente tessi la struttura sensibile della robotica applicata all’arte. Sinapsi digitali generano sistemi di crescita computazionale e vengono plasmati in espressioni materiche atipiche, inedite. Semplici codici subordinano meccaniscmi complessi che l’arto meccanico delicatamente esegue, obbediente nella sua danza programmata, esso disegno nello spazio. Supporti antropomorfi interpretano bit ed estrudono atomi. Metti a sistema il non standard, rinnega la serialità di massa alienante ed alienata L’era industriale è giunta al suo termine la robotica si fa umana ed artigianale.”

PRESENTAZIONE JAGUAR E-PACE
21 Novembre 2017

Movimenti ampi, armonici, calcolati, ripetuti con precisione, generano un effetto scenico senza eguali, giustificando l’antropomorfizzazione di un arto meccanico che diventa figura di intrattenimento, snaturandosi dalla sua dimensione rigida ed industriale ma senza minare quello che é la figura umana alla quale vuole assomigliare.

Il robot é stato scelto da Jaguar come testimonial per l’evento di lancio del nuovo SUV E-PACE, presentato in anteprima durante un evento presso il parco tecnologico Como Next. Una performance che catalizza l’attenzione degli ospiti e genera stupore, curiositá, domande e mistero. Un robot sbandieratore, promotore di innovazione e stile, testimone di una visione fuori dagli schemi che corre in parallelo con le caratteristiche distintive della casa automobilistica britannica.

“A flower: pure beauty need math to understand how beauty works need math to read beauty. A function is defined variables, parameters, digital synopsis and finally coordinates. Notes. Lost in translation, follow the path and get notes notes play music, magic. A machine is dancing: is beautiful and now sync it, translate it, observe it carefully and then listen everything is just happening”

Rhodonea

Milano 2016

“Rhodonea” (dal greco “rhodon”: rosa) è una performance artistica nata dalla collaborazione tra Caracol Studio e Ejtech. Trascendenza robotica audiovisiva. L’interazione tra l’uomo e la macchina e l’utilizzo di strumenti tecnologici oltre i canoni fittizi sono il cuore dell’esplorazione artistica di “Rhodonea”.

L’idea è nata dal desiderio di unificare gli aspetti unici delle ricerche sperimentali condotte da Caracol Studio e EJtech in un progetto che li potesse esaltare. La libertà di movimento di un robot a 6 assi è il centro dell’attenzione, la materia prima. Rappresenta la più grande peculiarità di questo dispositivo che riproduce percorsi spaziali impossibili da seguire altrimenti. La traccia grafica di un’antica funzione matematica denominata “Rhodonea” — definita dal matematico italiano Luigi Guido Grandi, intorno al 1725 — viene riprodotta nello spazio dal braccio robotico, trasformando il design digitale in una danza armonica fisica. Applicando sensori all’estremità del braccio, i movimenti eseguiti vengono registrati ed elaborati attraverso un complesso sistema che estrae una melodia basata sulla danza robotica. L’intero processo awiene in tempo reale: è la musica che deriva dalla danza del robot. Il disegno rappresenta le note, il grafico rappresenta lo spartito L’esibizione è accentuata dall’applicazione di un laser UV sul terminale robot che rilascia una traccia temporanea su una tela speciale: il rito eseguito dell’arto meccanico è tradotto in forma e musicale, consentendo agli occhi e alle orecchie dello spettatore di sentire e vivere la performance in modo completo.

Sculture Informali

Studio Fotografico Gianni Rizzoti, Milano 4 — 9 Aprile 2017

L’installazione preparata in occasione della Milano Design Week 2017 vuole mostrare il processo creativo e produttivo che porta alla realizzazione di artefatti inediti in terracotta prodotti tramite manifattura additiva dal nostro braccio robotico a 6 assi. Il contesto in cui l’installazione si è calata, lo studio fotografico Gianni Rizzotti è parte integrante e fondamentale dell’intero processo.

Il contrasto appositamente voluto fra gli spazi asettici di uno studio fotografico e l’Installazione si tramuta in sinergia quando le partizioni nude dello studio diventano sia il palco che le quinte di una performance. L’utilizzo poco canonico di sofisticati supporti tecnologici esplicita una relazione tra uomo e macchina estremamente peculiare ed artigianale. Il ritmo sancito dalla continua alternanza digitale/analogico trasporta lo spettatore in un percorso narrativo che mette alla luce l’aspetto più umano ed affascinante della fabbricazione digitale, un percorso che comincia con l’uomo, passa per la macchina e si conclude nelle mani dell’artista.



EXPO ASTANA 2017 “FUTURE ENERGY”

Astana, Kazakhstan 10 Giugno – 10 Settembre 2017

Caracol Design Studio ha avuto l’onore di partecipare ad un evento di portata globale come EXPO Astana 2017, rappresentando in piccolo parte l’Italia attraverso un’installazione artistica sul tema della “Future Energy” Quello messo in mostra nel Padiglione Italia è un braccio meccanico industriale che svolge un’attività del tutto non convenzionale rispetto allo standard: la sua natura viene rielaborata per essere trasformanto in uno strumento al servizio della creatività.

Grazie ad un approccio contemporaneo e flessibile alla tecnologia, abbiamo programmato questo robot per eseguire una serie infinita di disegni per tutti i 3 mesi di Expo Astana 2017. Protagonista è il racconto iconografico della storia dell’energia — tema cardine dell’EXPO – partendo dalla pila di Alessandro Volta fino ad arrivare ai più moderni sistemi di energie rinnovabili. Ritmo e narrazione ipnotizzano il visitatore, incantato di fronte al gesto umano compiuto dell’arto meccanico. L’installazione è stata immaginata, progettata e realizzata da Caracol Design Studio per “Fondazione Volta”.

MAJORANA RELOADED

Teatro Sociale, Como, Italy 14 – 26 Settembre 2017

Il robot é nuovamente protagonista di una atto di rottura rispetto alla sua natura svolnegndo una performance artistico-scenografica, questa volta in una delle location più insolite e nobili: il foyer del Teatro Sociale di Como, affacciato sulla piazza del Duomo. Grazie all’intesa fra il Teatro ed il parco tecnologico Como Next che ospita la nostra start-up, é stata curata una installazione che anticipa la prima mondiale dell’opera “Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse”.

Il braccio meccanico, tramite il suo sinuoso movimento nell’oscurita, simboleggia la ricerca perpetua di indizi che possano svelare il mistero che si cela dietro la scomparsa di Ettore Majorana, genio fisico Italiano dell’inizio del 900, compagno di Enrico Fermi ed ispiratore di generazioni di scienziati. Quello che permane, sono solo domande e lettere ambigue…

MAKER FAIR ROME

Fiera di Roma, Roma, Italy 12 – 14 Ottobre 2016

Breve documentario sulla nostra esperienza alla Maker Faire Rome 2016, dove siamo stati invitati a presentare ufficialmente il nostro progetto di ricerca sperimentale su stampa 3d e robotica a seguito del bando “Big Bang Project” riguardo il potenziale della fabbricazione digitale su larga scala.

FIERA METEF

Verona, Italy 21 – 24 Giugno 2017

In partnership con KUKA, Caracol Design Studio presenta una demo di manifattura additiva robotizzata alla fiera METEF di Verona.

Via Cavour 2 | Lomazzo (CO) ITALY | CAP 22074 Join our newsletter 0039 | 3311128040 - 0039 | 3491027738